Minimize
Calcolo del compenso netto all'amministratore in via autonoma, immediata e riservata.

 


Da tutta Italia, studi professionali o direttamente amministratori di società di capitali e/o cooperative chiedono assistenza tesa a determinare la sostenibilità dei compensi agli amministratori ed il netto a pagare a fronte di un compenso lordo. In altri termini, il management della società in via immediata e senza approssimazione, attraverso il nostro foglio di calcolo evoluto ed aggiornato al 2016, può inserendo solo l’importo del compenso lordo atteso, determinare autonomamente il proprio emolumento netto (netto a pagare in busta paga) tenendo conto, del peso contributivo in capo alla società, del gettito fiscale che è tenuto a sostenere il socio amministratore, dei contributi deducibili a carico dell’azienda (i famosi 2/3)…

Spesso si verifica che gli amministratori siano anche soci del soggetto giuridico che eroga il compenso (s.n.c., s.r.l., s.p.a., cooperative ed enti assimilati) e si rileva la pessima abitudine di erogare un emolumento annuale a fine anno (massimo entro prima decade del mese di gennaio dell’anno successivo.)

È consigliato, erogare compensi su base mensile, possibile adottando il piano contabile in cloud, ed integrati ove possibile dell’importo detassato e fuori dalla base imponibile previdenziale delle indennità di trasferta ai sensi dell’articolo 52, 5° comma, del D.P.R. n. 917 del 1986.

Con la nostra assistenza, compresa con l’acquisto del foglio di calcolo descritto in questa sezione, ti assistiamo nel calcolare in via autonoma e riservata, inserendo solo il dato del compenso lordo, il  compenso netto mensilmente percepibile, i contributi previdenziali (1/3), a carico dell’amministratore e deducibili dalla sua base imponibile Irpef, quelli  (2/3) a carico della società deducibili ai fini della base imponibile Ires ed Irap (iscrizione alla gestione separata I.N.P.S. pari nell’anno di competenza 2016 al 31,72% ridotta al 24% in caso soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria) e le ritenute in capo al socio amministratore per le quali la società assume il ruolo di sostituto d’imposta.

In altri casi, invece, quando una società è neo costituta, o la sua attività ha iniziato di recente a generare introiti, l’imprenditore o l’assemblea dei soci, chiedono parere fiscale o consulenza fiscale diretta a determinare la sostenibilità dei compensi ai soci amministratori. In altri termini, il management della società (spesso S.r.l, Società Cooperative o S.p.a) ci chiede una pianificazione fiscale e previdenziale che sia sostenibile rispetto alla struttura reddituale e finanziaria.

Riepilogo dei quesiti ai quali risponde il foglio di calcolo:

Quale è il compenso da erogare ai soci amministratori che la società può sostenere a fronte del risultato di esercizio conseguito?

Quale è l’ammontare dei contributi a carico della azienda?

Quale è l’ammontare dei contributi a carico del socio amministratore deducibile ai fini del reddito imponibile dello stesso?

L’importo delle ritenute fiscali subite?

Qual è il compenso lordo ed il carico previdenziale per percepire un emolumento netto di euro 2.000/4.000/8.000/20.000 o di qualsiasi altro importo?

 

Per acquistarlo ed averlo immediatamente via email     cliccare qui



Se non avete Paypal o carte prepagate chiamateci al 


NUMERO VERDE 800.19.27.52 


per intestare Fattura, inviare bonifico e ricevere entro 24 ore il foglio di calcolo del compenso ad amministratore. 



Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

 






Free counters!

Divulgazioni ed aggiornamenti da Networkfiscale.com

Credito Iva anno 2016: come e quando utilizzarlo a compensazione

Guida fiscale e vademecum per utilizzare in F24 il credito Iva annuale Codice Tributo 6099 anno 2016

Dott. Alessio Ferretti 0 6512 Article rating: 5.0

Il credito IVA maturato al 31 dicembre 2016, codice tributo 6099 anno d’imposta 2016, può essere utilizzato in compensazione con altre imposte e contributi (compensazione "orizzontale" o "esterna"), già a decorrere dalla scadenza del 16 gennaio 2017 tramite uso modello F24, ma solo fino al limite massimo di € 4.999,00. L'eventuale credito eccedente tale soglia, ma entro l'ulteriore limite di € 15.000,00, potrà invece essere utilizzato a partire dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale IVA (quindi dal 16 marzo 2017).

Come pagare il legale rappresentate e/o l'amministratore (o membro del consiglio direttivo) di una associazione

Alcune indicazioni su come erogare somme al legale rappresentante di un APS OVS ASD SSD in regime L. 398/1991

Dott. Alessio Ferretti 0 13141 Article rating: 5.0

Riceviamo oltre 150 richieste di preventivi l’anno da associazioni culturali (APS o ODV) e sportive (ASD SSD), tutti pongono gli stessi quesiti, tra cui come pagare in modo corretto, pronorma e tracciabile, il legale rappresentate e/o amministratore e/o membro del consiglio direttivo  di una non profit. I nostri commercialisti amano lavorare per le associazioni in tutta Italia. 

Compenso amministratore società: calcola il netto a pagare in via immediata e riservata

Calcola autonomamente il netto a pagare per l'amministratore ed i contributi deducibili per l'azienda

Dott. Alessio Ferretti 0 34373 Article rating: 5.0

Se sei amministratore di una società o un professionista, acquista il nostro foglio di calcolo ed in via immediata e senza approssimazione determini autonomamente il proprio compenso tenendo conto, del peso contributivo in capo all’ente, del gettito fiscale che è tenuto a sostenere il socio amministratore, del “netto in busta”, dei costi deducibili dei contributi a carico dell’azienda (i famosi 2/3)…

CASSA: Quando è alta o negativa l'impianto contabile è inattendibile

e causa di avvisi di accertamento

Dott. Alessio Ferretti 0 65382 Article rating: 5.0

Molti accertamenti trovano la propria origine da controlli effettuati sul mastro della cassa. Quando risulta eccessivamente alto rispetto alla tipologia di attività o negativo anche per un solo giorno dell’anno, l’impianto contabile diventa inattendibile e gli uffici finanziari sono legittimati ad avviare accertamenti con metodo induttivo in capo sia alla società che alla persone del titolare e/o altri soci. 

 

STREET & FOOD TRUCK: Come aprire e quale regime fiscale e contributivo adottare 1.0

Cibo di strada nel nostro paese

Dott. Alessio Ferretti 0 9010 Article rating: 4.8

Il tempo è poco e le abitudini del pranzo degli italiani convergono con quelle anglosassoni ed asiatiche, sempre maggiori persone consumano uno street food (un pranzo da strada) cucinato e venduto attraverso un furgoncino, o camion convertito,  detto food truck (spesso anche un Apetto Piaggio). Il nostro team di professionisti, a fronte delle richieste ricevute, ha redatto una prima guida per aprire un food truck o uno street food in Italia, dalle norme in vigore alregime fiscale e contributivo da adottare, per risparmiare tempo e denaro. 


RSS
12345678
Terms Of UsePrivacy StatementCopyright 2012 - 2050 Network Fiscale S.r.l. a socio unico